Mediaconciliazione senza tregua: nuovo rinvio alla Corte Costituzionale.

marzo 5, 2012 in Diritto processuale civile da Liut & Partners

Dopo i profili di incostituzionalità sollevati dal TAR Lazio e dai Giudici di Pace di Parma e Catanzaro, ora è la volta del Tribunale di Genova. Si allunga ulteriormente l’elenco delle ordinanze di rinvio alla Corte Costituzionale per la mediaconciliazione obbligatoria: è la volta del Tribunale di Genova, che con un’ordinanza a firma del giudice Valentina Vinelli, ha confermato i profili di incostituzionalità.

Ricordiamo che nei mesi scorsi analoghi provvedimenti sono stati emessi dal Tar del Lazio e dai giudici di pace di Parma e Catanzaro e che la mediaconciliazione obbligatoria è, appunto, all’esame tanto della Corte Costituzionale che della Corte di Giustizia Europea (a quest’ultima rimesse le ordinanze del Tribunale di Palermo e di Mercato San Severino).

Per Maurizio de Tilla, presidente dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura-Oua, «è l’ennesima conferma di quanto sostenuto dagli Avvocato in questi mesi, come recita l’ordinanza del Tribunale di Genova, tra gli altri aspetti messi in rilievo, “l’esperimento della mediazione come condizione di procedibilità della domanda giudiziale, prevedendo altresì il carattere oneroso”, limita l’accesso alla mediaconciliazione ed è oltretutto costosa. Si nega, cioè, con tutta evidenza il diritto di difesa dei cittadini».

«Proprio nei giorni scorsi – conclude de Tilla – il Guardasigilli, Paola Severino, nel corso dell’audizione in Commissione Giustizia del Senato, ha ammesso che sulla conciliazione “si tratta di trovare il giusto equilibrio, ovvero attuarla senza andare oltre ciò che nella tradizione italiana può essere condiviso”. È un segnale di discontinuità con il passato, ben venga, ma è bene sottolineare che i dati sul funzionamento del nuovo sistema sono fallimentari. Secondo il Ministero di Via Arenula solo 3 mila cause concluse positivamente in 6 mesi, altro che potere deflattivo e riduzione del contenzioso. È evidente che è giunto il momento di cambiare strada. Gli Avvocato sono disponibili sin da ora a dare il contributo di idee per una giustizia civile efficiente e rapida. Tutto il contrario di quanto ottenuto fin a ora con il bluff della media-conciliazione».

(Fonte: http://www.leggioggi.it, 01.12.2011)